Benvenuti in Studio ELPAG STP Srl - Elaborazione Paghe e Consulenza del Lavoro

Nuovi minimi retributivi nell’industria del cemento



Dall’1/10/2018 sono previsti nuovi minimi retributivi per i dipendenti dalle Aziende esercenti la produzione del cemento, della calce e suoi derivati, del gesso e relativi manufatti, delle malte e dei materiali di base per le costruzioni, nonché la produzione promiscua di cemento, calce, gesso e malte.


Come da accordo siglato tra la FEDERMACO – Federazione Italiani dei Materiali di Base per le Costruzioni e la FENEAL-UIL, la FILCA-CISL e la FILLEA-CGIL, sono previsti dall’1/10/2018 aumenti retributivi e nuovi minimi tabellari contrattuali per i dipendenti dalle Aziende esercenti la produzione del cemento, della calce e suoi derivati, del gesso e relativi manufatti, delle malte e dei materiali di base per le costruzioni, nonché la produzione promiscua di cemento, calce, gesso e malte.


AUMENTI RETRIBUTIVI












































Area Professionale

Livelli

Aumenti dall’1/10/2018 (euro mese)

Area direttiva 3 30,00
2 26,86
1 24,57
Area concettuale 3 23,29
2 22,43
1 21,29
Area specialistica 3 20,00
2 19,14
1 18,43
Area qualificata 2 17,29
1 16,57
Area esecutiva 1 14,29


Gli incrementi dei minimi riportati in tabella sono comprensivi del recupero dello scostamento tra inflazione prevista e quella consuntivata relativamente agli anni 2013, 2014 e 2015 senza ulteriori verifiche e conguagli.
Pertanto i minimi tabellari mensili relativi alle aree professionali e, in quest’ambito, a ciascun livello e valevoli per tutti i settori alle date sopraindicate, sono quelli di cui alla seguente tabella.


MINIMI TABELLARI CONTRATTUALI












































Area Professionale

Livelli

Minimi dall’1/10/2018

Area direttiva 3 1.954,23
2 1.749,49
1 1.600,59
Area concettuale 3 1.516,86
2 1.461,04
1 1.386,58
Area specialistica 3 1.302,82
2 1.247,00
1 1.200,47
Area qualificata 2 1.126,01
1 1.079,46
Area esecutiva 1 932,14


Per gli appartenenti alla categoria dei quadri, in aggiunta al trattamento economico previsto per il 3° livello dell’area direttiva, è stabilita la corresponsione di una indennità di funzione il cui importo è pari ad euro 41,32 lordi mensili.
Agli appartenenti all’area esecutiva viene confermato l’importo, istituito con il CCNL 21/7/1979, di euro 7,75 lordi mensili, corrisposto quale “superminimo collettivo di gruppo” da valere agli effetti di tutti gli istituti contrattuali come paga base.


Apprendisti Professionalizzanti dall’1/4/2013
















































































































Livello

Da mese

A mese

Minimo

Area concettuale 1 1 12 1.247,00
13 24 1.302,82
25 36 1.386,58
Area concettuale 2 1 12 1.302,82
13 24 1.386,58
25 36 1.461,03
Area concettuale 3 1 12 1.386,58
13 24 1.461,03
25 36 1.516,86
Area direttiva 1 1 12 1.461,03
13 24 1.516,86
25 36 1.600,59
Area direttiva 2 1 12 1.516,86
13 24 1.600,59
25 36 1.749,49
Area qualificata 2 1 12 932,14
13 24 1.079,39
Area specialistica 1 1 12 1.079,39
13 24 1.126,01
Area specialistica 2 1 12 1.126,01
13 24 1.200,47
25 30 1.247,00
Area specialistica 3 1 12 1.200,47
13 24 1.247,00
25 30 1.302,82

Necessario il requisito “incrementale” per il bonus investimenti pubblicitari

Fornite precisazioni sulla revoca per la fruizione del credito d’imposta per investimenti pubblicitari incrementali (Agenzia delle Entrate - Risposta 18 ottobre 2018, n. 38). Per premiare le imprese e i lavoratori autonomi e gli enti non … [Continue reading]

Centri per l’Impiego: fase operativa della riforma

Con comunicato 17 ottobre 2018, il Ministero del lavoro illustra i punti fondamentali della riforma dei Centri per l'Impiego. Le politiche attive saranno rafforzate e ai Centri per l'Impiego sarà destinato un miliardo l'anno, sarà lanciato un … [Continue reading]

Nuovi minimi retributivi da ottobre per il CCNL Poste Italiane

Nuovi minimi retributivi da ottobre per il CCNL Poste Italiane   Dal mese di ottobre il CCNL  per i dioendenti delle Poste Italiane ha previsto nuoni minimi retributivi Questi i minimi decorrenti da ottobre … [Continue reading]

Gestione antieconomica: la svendita di magazzino non blocca l’accertamento

Con la recente Ordinanza n. 26086 del 2018 la Corte di Cassazione ha affermato che la gestione antieconomica dell’attività legittima l’applicazione dell’accertamento induttivo, con la determinazione del reddito d’impresa mediante … [Continue reading]