Benvenuti in Studio ELPAG STP Srl - Elaborazione Paghe e Consulenza del Lavoro

Prestazioni occasionali e campo di applicazione


Relativamente alle imprese del settore agricolo, fatto salvo il limite di non più di 5 dipendenti, è prevista la possibilità di ricorso al contratto di prestazione occasionale solo i seguenti soggetti: titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità; giovani con meno di 25 anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l’università; persone disoccupate; percettori di prestazioni integrative del salario, di reddito di inclusione o di altre prestazioni di sostegno del reddito.


In via generale, le prestazioni occasionali le attività lavorative che danno luogo, nel corso di un anno civile: per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro; per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro. Sono computati in misura pari al 75% del loro importo, i compensi per prestazioni di lavoro occasionali rese dai seguenti soggetti, purché i prestatori stessi, all’atto della propria registrazione nella piattaforma informatica, autocertifichino la relativa condizione; titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità; giovani con meno di 25 anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l’università; persone disoccupate; percettori di prestazioni integrative del salario, di reddito di inclusione (REI) ovvero di altre prestazioni di sostegno del reddito. In tal caso l’INPS provvede a sottrarre dalla contribuzione figurativa relativa alle prestazioni integrative del salario o di sostegno del reddito gli accrediti contributivi derivanti dalle prestazioni occasionali; per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, con riferimento a compensi di importo non superiore a 2.500 euro; per ciascun prestatore, per le attività lavorative svolte nei confronti delle società sportive che danno luogo a compensi di importo complessivo non superiore a 5.000 euro.
Alle prestazioni occasionali possono fare ricorso: le persone fisiche, non nell’esercizio dell’attività professionale o d’impresa, per il ricorso a prestazioni occasionali mediante il Libretto Famiglia; gli altri utilizzatori, nei limiti previsti di seguito, per l’acquisizione di prestazioni di lavoro mediante il contratto di prestazione occasionale; le società sportive.
Al fine di poter ricorrere alle prestazioni di lavoro occasionali è necessario che l’utilizzatore abbia preventivamente alimentato il proprio portafoglio telematico, attraverso il versamento della provvista destinata a finanziare l’erogazione del compenso al prestatore, l’assolvimento degli oneri di assicurazione sociale ed i costi di gestione delle attività.
 

Cabine fototessera: è dovuta l’imposta sulla pubblicità

Con l’ordinanza n. 13634 del 21 maggio 2019, la Corte di Cassazione ha affermato che le cabine fototessera con pannelli pubblicitari raffiguranti i prodotti commercializzati individuati da un proprio marchio sono soggette al pagamento … [Continue reading]

IVA Editoria: linee guida in caso di fallimento della società affidataria del servizio di distribuzione

Nell’ipotesi di adozione del regime Iva per l’editoria, in caso di mancato pagamento dovuto al fallimento della società affidataria della distribuzione, è possibile emettere una nota di variazione Iva e portare in detrazione l’imposta … [Continue reading]

Riorganizzazione aziendale fittizia e intento ritorsivo: reintegra del dipendente

Il dipendente licenziato per ragioni ritorsive in seguito ad una presunta riorganizzazione rivelatasi poi fittizia, può essere reintegrato nel posto di lavoro essendo il recesso nullo. Il Tribunale di Roma, pronunciando in merito all'impugnativa di … [Continue reading]

Cassa Edile di Ancona: mancata variazione dell’Ape

La Cassa Edile di Ancona fornisce una comunicazione sulla mancata variazione dell’aliquota Ape nell’attesa di verifica delle parti sociali territoriali Com’è noto, per effetto dell’accordo del 3 aprile 2019, le parti sociali Nazionali hanno … [Continue reading]