Benvenuti in Studio ELPAG STP Srl - Elaborazione Paghe e Consulenza del Lavoro

Premi Inail, per la sospensione dei versamenti necessaria la comunicazione on line


Al fine di fruire della sospensione dal versamento dei premi assicurativi Inail, i soggetti interessati devono inviare apposita comunicazione telematica all’Istituto, specificando la disposizione normativa che hanno applicato e dichiarando altresì di essere in possesso delle condizioni richieste per usufruire del beneficio. Nelle more della realizzazione dell’apposito servizio on line, per i casi urgenti, rappresentati soprattutto dalla sospensione delle rate delle rateazioni ex art. 2, co. 11, D.L. 338/1989, è necessario che i beneficiari trasmettano la comunicazione tramite Pec alla Sede competente (Inail, circolare 18 maggio 2020, n. 21).


I soggetti interessati alla sospensione dei premi Inail devono comunicare all’Istituto di aver effettuato la sospensione dei versamenti, specificando la disposizione che hanno applicato e dichiarando altresì di essere in possesso delle condizioni richieste per usufruire del beneficio, fermo restando i controlli successivi sull’effettiva sussistenza dei requisiti. A tal fine, è in corso di realizzazione un apposito servizio on line, che sarà reso disponibile sia ai titolari dei codici ditta che ai loro intermediari in possesso di delega. Nello stesso servizio, gli utenti dovranno anche comunicare se al termine di ogni periodo di sospensione previsto, gli stessi intendono effettuare i versamenti in unica soluzione o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo. Il servizio gestirà, infatti, tutte le sospensioni finora previste per l’emergenza epidemiologica e consentirà quindi agli utenti di effettuare:
A) le comunicazioni di sospensione dei versamenti per i mesi di aprile e maggio 2020 per riduzione del fatturato, per inizio attività di impresa, arte o professione, in data successiva al 31 marzo 2019, per gli enti non commerciali (art. 18, commi 1-5, D.L. n. 23/2020).
Alla ripresa dei versamenti, da giugno 2020, i soggetti che hanno applicato la sospensione devono indicare nel modello F24 il seguente numero di riferimento:
– per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro: “999192” per il pagamento in unica soluzione e “999193” per il pagamento rateale;
– per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro: “999194” per il pagamento in unica soluzione e “999195” per il pagamento rateale;
– per i soggetti che hanno intrapreso l’attività successivamente al 31 marzo 2019: “999196” per il pagamento in unica soluzione e “999197” per il pagamento rateale;
– per gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, che svolgono attività istituzionale di interesse generale non in regime d’impresa: “999198” per il pagamento in unica soluzione e “999199” per il pagamento rateale;
B) le comunicazioni di sospensione degli adempimenti e dei versamenti dal 23 febbraio al 30 aprile 2020 (art. 5, co. 1, D.L. n. 9/2020) per i soggetti operanti nei Comuni ex zona rossa (Allegato 1, D.P.C.M. 1° marzo 2020).
Alla ripresa dei versamenti, da maggio 2020, i soggetti devono indicare nel modello F24 il numero di riferimento:
– “999186” per il pagamento in unica soluzione;
– “999187” per il pagamento rateale;
C) le comunicazioni di sospensione degli adempimenti e dei versamenti dal 2 marzo al 30 aprile 2020 per le imprese del turismo, dei trasporti, etc. (art. 61, co. 2, D.L. n. 18/2020).
Alla ripresa dei versamenti, da maggio 2020, i soggetti devono indicare nel modello F24 il numero di riferimento:
– “999188” per il pagamento in unica soluzione;
– “999189” per il pagamento rateale;
D) le comunicazioni di sospensione degli adempimenti e dei versamenti dal 2 marzo al 31 maggio 2020 per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e le società sportive professionistiche e dilettantistiche (art. 61, co. 5, D.L. n. 18/2020).
Alla ripresa dei versamenti, da giugno 2020, i soggetti devono indicare nel modello F24 il numero di riferimento:
– “999184” per il pagamento in unica soluzione;
– “999185” per il pagamento mediante rateizzazione;
E) le comunicazioni di sospensione dei versamenti dall’8 al 31 marzo 2020, per ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro (art. 62, co. 2, lett. c), D.L. n. 18/2020).
Alla ripresa dei versamenti, da maggio 2020, i soggetti devono indicare nel modello F24 il numero di riferimento:
– “999190” per il pagamento in unica soluzione;
– “999191” per il pagamento rateale;
F) le comunicazioni di sospensione dei versamenti dal 30 aprile al 15 luglio per le imprese del settore florovivaistico (art. 78, co. 2-quinquiesdecies, D.L. n. 18/2020).
Alla ripresa dei versamenti, da luglio 2020, i soggetti che hanno applicato la sospensione devono indicare nel modello F24 il numero di riferimento:
– “999200” per il pagamento in unica soluzione;
– “999201” per il pagamento rateale.
In attesa del servizio telematico, per i casi urgenti, rappresentati soprattutto dalla sospensione delle rate delle rateazioni ex art. 2, co. 11, D.L. 9 ottobre 1989, n. 338, è necessario che i beneficiari trasmettano la comunicazione tramite Pec alla Sede competente. In ogni caso, gli interessati, dovranno ripresentare la comunicazione con il servizio on line che sarà rilasciato.