Benvenuti in Studio ELPAG STP Srl - Elaborazione Paghe e Consulenza del Lavoro

Definizione agevolata, nessuna efficacia sulla rideterminazione dei contributi Inps a percentuale


La chiusura di una lite fiscale mediante presentazione della domanda di definizione agevolata (art. 39, co, 12, D.L. n. 98/2011) non incide in alcun modo sul contenuto dell’atto di accertamento dell’Agenzia delle entrate e non ne importa definitività, sicchè neppure ha efficacia sulla rideterminazione totale o parziale del presupposto impositivo a fini extra-fiscali, del calcolo dei contributi previdenziali a percentuale sul reddito (Corte di Cassazione, ordinanza 25 agosto 2020, n. 17652)


Una Corte d’appello territoriale aveva confermato la sentenza di prime cure, dichiarando infondata l’opposizione avverso un avviso di addebito per il pagamento all’Inps Gestione Commercianti dei contributi a percentuale, emesso sulla base di un accertamento fiscale dell’Agenzia delle Entrate. Ad avviso della Corte, dinanzi alla Commissione tributaria competente era cessata la materia del contendere relativa all’avviso di accertamento impugnato, per effetto della presentazione della domanda di definizione agevolata (art. 39, co, 12, D.L. n. 98/2011), il che aveva comportato la definitività dell’accertamento reddituale anche ai fini contributivi.
Avverso la sentenza ricorre così in Cassazione il lavoratore, che lamenta l’erronea valutazione giuridica operata dalla Corte di merito circa gli effetti dell’avvenuta definizione della lite fiscale pendente, laddove, invece, spettava comunque all’Inps la prova della fondatezza della propria pretesa creditoria, non potendosi affermare la defìnitività dell’accertamento tributario in tema di importi contributivi.
Per la Suprema Corte il ricorso è fondato. Difatti, come già affermato in passato nella giurisprudenza di legittimità (Corte di Cassazione, sentenza n. 8376/2013), la tesi secondo cui la chiusura della lite fiscale mediante condono non determini il definitivo accertamento del maggior reddito imponibile, è stata, di recente, chiaramente ribadita (Corte di Cassazione n. 21541/2019). In particolare, si è affermato che il condono tributario ex art. 39, co. 12, D.L. n. 98/2011, ha natura deflattiva esclusivamente del contenzioso fiscale e non è rinvenibile alcun elemento che permetta di ritenere che la definizione concordata del giudizio tributario estenda gli effetti sulla rideterminazione totale o parziale del presupposto impositivo accertato dall’Agenzia anche a fini extrafiscali, quali i contributi previdenziali calcolati a percentuale sul reddito. Neanche appare percorribile una diversa soluzione interpretativa, in via analogica, in quanto il dettato normativo è effetto di una precisa scelta del Legislatore il quale, laddove ha inteso estendere ai contributi previdenziali gli effetti della definizione degli accertamenti compiuti dall’Agenzia delle Entrate, lo ha previsto espressamente, come per la mediazione (art. 17-bis D.Lgs. n. 346/1992) o l’accertamento definito con adesione (art. 2, co. 3, D.Lgs. n. 218/1997).
Diversamente da tali istituti, comportanti una rideterminazione del reddito imponibile, l’unico effetto della definzione agevolata ex art. 39, co. 12, D.L. 98/2011, è costituito dalla chiusura della lite fra il contribuente e l’Agenzia delle Entrate, a fronte del pagamento di un importo pari ad una percentuale ridotta dell’imposta in contestazione. Tuttavia, la definizione concordata non incide in alcun modo sul contenuto dell’atto di accertamento dell’Agenzia e non importa definitività, propriamente detta, dell’accertamento compiuto dall’Agenzia, la cui efficacia, ai fini extra-fiscali del calcolo dei contributi Inps a percentuale sul maggiore reddito, rimane impregiudicata.